Paura. Chi non ha paura della paura?

Bambini Paure favolePaura. Chi non ha paura della paura? E chi non vorrebbe proteggere i propri figli dalla paura, in questo modo proteggendo se stessi dalle mille ansie e paure della vita.

In questi ultimi colloqui con i genitori, mi sono spesso imbattuta nella difficoltà di affrontare i sentimenti negativi con e dei propri figli. Si vorrebbe esorcizzare la loro rabbia, l’aggressività e la paura, in una tensione ambivalente per cui evitarle a loro vorrebbe dire anche un po’ proteggere se stessi.

Allora imparare ad accettare i sentimenti negativi, in primo luogo noi come adulti, aiuta anche i nostri bambini ad affrontarli. Il messaggio che vorrei far arrivare ai genitori è che il regalo più bello che noi possiamo fare ai nostri figli è quello di aiutarli a crescere forti e capaci di affrontare la vita, nei suoi aspetti positivi e negativi; imparare a riconoscere i sentimenti positivi di gioia, allegria e amore, come quelli negativi di rabbia, paura e attesa.

Ma come? Prima di tutto accettandoli dentro di noi, e poi, ad esempio, ritrovando il calore e il piacere di rileggere le fiabe popolari classiche con i nostri figli. Biancaneve, Cappuccetto Rosso, Cenerentola, La Bella Addormentata nel Bosco arrivano da lontano a parlare ai nostri cuori di amore, ma anche di malvagità; di paura e di coraggio; di prove difficilissime, ma anche di lieto fine conquistato con destrezza. Bruno Bettelheim ne “Il mondo incantato” descrive l’importanza del messaggio insito nelle fiabe popolari e lo definisce così: “Esse parlano (al bambino) delle sue grave pressioni interiori in un modo che il bambino inconsciamente comprende, e – senza sminuire le violente lotte interiori che il processo di crescita comporta – (le fiabe) offrono esempi di soluzioni sia permanenti sia temporanee a pressanti difficoltà.”.

Mi rendo conto di aver affrontato un discorso molto ampio e che questa ne sia solo l’introduzione; ma, se vi interessa, lo riprenderemo presto….

Tina Isacco, pedagogista.

Share

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>